PROGETTI INDIVIDUALI E DI COMUNITA´ 
DESTINATARI: individui e comunità;

FINALITA´: presa in carico di un soggetto o di una particolare tematica da parte delle figure professionali presenti nel Servizio Sociale Comunale;

ARTICOLAZIONE DEGLI INTERVENTI: gestione del problema, anche in collaborazione con altri soggetti presenti sul territorio, quali A.S.L. e Privato Sociale;

MODALITA´ DI ACCESSO AL SERVIZIO: Segnalazione all´Ufficio Servizi Sociali ­ Area Marginalità
 

TRASPORTO DISABILI 
DESTINATARI: persone disabili;

FINALITA´: trasporto portatori di handicap dal domicilio ai Centri Specializzati del territorio;

OPERATIVITA´: nei periodi e/o giorni d´apertura dei Centri per handicappati;

MODALITA´ DI ACCESSO: Richiesta presso Ufficio Servizi Sociali ­ Area Marginalità
 

ASSEGNI DI MATERNITA´ ART.66 EX LEGGE 448/98 
DESTINATARI: Cittadine italiane o comunitarie residenti in Italia al momento del parto o ingresso in famiglia del minore adottato/affidato;

•Cittadine non comunitarie residenti in Italia al momento del parto o ingresso in famiglia del minore adottato/affidato in possesso di uno dei seguenti titoli di soggiorno:

 

• carta di soggiorno;

 

• permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

 

Il figlio di cittadina non comunitaria nato all´estero deve essere in possesso dello stesso titolo di soggiorno della madre. In alcuni casi particolari, se la madre non può richiedere l´assegno, il beneficio può essere richiesto, a seconda dei casi, dal padre del bambino, dal genitore della madre, dall´adottante, dall´affidatario preadottivo o dall´affidatario non preadottivo.

 

FINALITA´:trattamento previdenziale dell´indennità di maternità;

ARTICOLAZIONE DEGLI INTERVENTI:E´ un assegno che la madre non lavoratrice può chiedere al proprio Comune di residenza per la nascita del figlio oppure per l´adozione o l´affidamento preadottivo di un minore di età non superiore ai 6 anni (o ai 18 anni in caso di adozioni o affidamenti internazionali), mentre la madre lavoratrice può chiedere l´assegno se non ha diritto all´indennità di maternità dell´Inps oppure alla retribuzione per il periodo di maternità. Se l´importo dell´indennità o della retribuzione è inferiore all´importo dell´assegno, la madre lavoratrice può chiedere al Comune l´assegno in misura ridotta. La domanda deve essere effettuata entro sei mesi dalla nascita del figlio o dall´ingresso in famiglia del minore adottato/affidato. L´assegno di maternità spetta a condizione che i redditi ed i patrimoni posseduti dal nucleo familiare della madre al momento della data della domanda di assegno non superino il valore dell´Indicatore della Situazione Economica (ISE) applicabile alla data di nascita del figlio (ovvero di ingresso del minore nella famiglia adottiva o affidataria).

MODALITA´ DI ACCESSO: È possibile presentare domanda, presso i CAF ACLI - Via Marsala n. 27 Tel. 0377832310, CGIL - Via P.C. D´Abbiategrasso n. 18 Tel. 037781142 e CISL Via Don Minzoni 16/18 Tel. 037784308 e previo appuntamento.;

Per ulteriori informazioni Uff. di Servizio Sociale P.zza Leonardo Da Vinci n.1 Tel.0377/84888


ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE ART.65 EX LEGGE 449/98 
DESTINATARI:E´ un assegno che un nucleo familiare con almeno tre figli minori può chiedere al proprio Comune di residenza.

I destinatari sono: •Nuclei familiari composto da cittadini italiani e dell´Unione europea residenti, da cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo, nonché dai familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;

 

•i nuclei familiari composto almeno da un genitore e tre figli minori (appartenenti alla stessa famiglia anagrafica), che siano figli del richiedente medesimo o del coniuge o da essi ricevuti in affidamento preadottivo;

 

•nuclei familiari con risorse reddituali e patrimoniali non superiori a quelle previste dall´indicatore della situazione economica (I.S.E.) valido per l´assegno.

 

FINALITA´: assegno nucleo familiare

ARTICOLAZIONE DEGLI INTERVENTI: L´assegno può essere richiesto da :

•nucleo familiare composto almeno da un genitore e tre figli minori (appartenenti alla stessa famiglia anagrafica), che siano figli del richiedente medesimo o del coniuge o da essi ricevuti in affidamento preadottivo;

 

•risorse reddituali e patrimoniali del nucleo familiare non superiori a quelle previste dall´indicatore della situazione economica (I.S.E.) valido per l´assegno.

 

Il diritto all´assegno cessa:

 

•Dal 1° di gennaio dell´anno in cui viene a mancare il requisito del reddito oppure

 

•dal 1° giorno del mese successivo a quello in cui viene a mancare il requisito relativo alla composizione del nucleo.

 

MODALITA´ DI ACCESSO: È possibile presentare domanda presso i CAF ACLI - Via Marsala n. 27 Tel. 0377832310, CGIL - Via P.C. D´Abbiategrasso n. 18 Tel. 037781142 e CISL Via Don Minzoni 16/18 Tel. 037784308 e previo appuntamento.

Per ulteriori informazioni Uff. di Servizio Sociale P.zza Leonardo Da Vinci n.1 Tel.0377/84888
 

Per ulteriori informazioni Ufficio di Servizi Sociali P.zza Leonardo Da Vinci n.1 Tel.0377/84888



torna all'inizio del contenuto